• Black Facebook Icon
  • Black Pinterest Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon

© 2017 by Una Doppia Uso Singola Confidential.

SEARCH BY TAGS: 

Please reload

RECENT POSTS: 

FOLLOW ME:

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • Instagram Clean Grey

Ad ognuno la sua piccola rivoluzione

April 10, 2016

Quante sono le donne che viaggiano per lavoro?

Forse dovrei fare un’indagine di mercato prima di scegliere di scrivere e di impostare tutto questo blog su tale argomento.

Forse dovrei…anche a seguito di una chiacchierata fatta con un collega francese che, come me, viaggia molto per lavoro. Vi riassumo in soldoni la sua idea in merito: le donne viaggiano prima dei 30 anni e dopo i 50. In mezzo, sempre secondo questo mio collega, ci sarebbe la famiglia. Non si vedono molte donne in aeroporto o che viaggiano in macchina. La maggior parte si sposta utilizzando il treno. Spiegazione: le donne non ricoprono ruoli internazionali i quali richiederebbero spostamenti in aereo e non lavorano per multinazionali ma per piccole imprese locali da cui deriva non avere una macchina aziendale ma spostarsi in treno.

Su questo scenario, a mio modesto parere apocalittico nei confronti delle donne, non mi rimarrebbe che dirvi “CIAO:  mi ritiro per deliberare una nuova strategia di mercato per il blog”.

Eppure a me questa idea che le donne non si muovano per lavoro mi suona molto molto strana.

Io ho più di 30 anni, sono sposata, lavoro per una multinazionale, ricopro un ruolo che si svolge per l’80 percento su territorio nazionale e per il 20 % su territorio internazionale. Ho una macchina aziendale e i miei mezzi di trasporto preferiti, in ordine di gradimento, sono: macchina, aereo (conosco tutti gli autogrill migliori e ogni angolo di Malpensa). Sono una mosca bianca?

Allora passiamo alle mie amiche storiche, quelle con cui sono cresciuta e alle quali potrei raccontare tutto, quelle che già sanno a prescindere (prometto che vi parlerò di loro in successivi post perché meritano proprio). Sono 7 e di queste una vive all’estero da un po’, una va spesso all’estero per lunghi periodi, due fanno un lavoro tipo il mio. Siamo già a più del 50%. 

Non potrei dire altrettanto se penso ai miei amici (maschi).

Allora perché la percezione delle persone è assolutamente opposta a quanto trasuda da una piccola indagine su campo?

Insomma se mi dovessi basare sulle idee altrui non inizierei questo nuovo progetto. 

Se dovessi basarmi sui fatti mi chiedo come mai non ci abbiano già pensato.

Su questo gap tra realtà e fantasia mi sono fatta un’idea personale: è difficile abbattere certi stereotipi.

Oggi le donne viaggiano, si spostano, camminano tra paesi diversi e riescono a gestire, come d’altronde hanno sempre fatto, molte più cose contemporaneamente. Raggiungono ruoli di tutto rispetto nelle aziende e per questo anche stipendi che permettono loro di destreggiarsi tra lavori di casa e lavoro vero e proprio.

Viviamo in un’epoca e una parte del mondo fortunate che ci permettono la massima libertà, la massima espressione di noi stesse.

Eppure noto intorno a me molte donne che si tarpano le ali da sole trainate da preconcetti e paure ancor prima che queste diventino reali. “E se poi?” 

#NonnaMarì, che impareremo a conoscere nei futuri post, mi diceva sempre: “ Il SE è il paese dei coglioni”. Lei che la paura non sapeva cosa fosse, lei che era irresponsabile e sposata ad un marito troppo serio, lei sapeva bene con i “Se” non si procede, non ci si evolve. Lei 45 anni fa decide, per esempio, di andare a Rimini a lavorare nel periodo estivo lasciando a casa figli e marito.

Lei, come tante altre donne prima, hanno fatto la storia inconsapevolmente, prendendo una decisione fuori dagli schemi senza pensarci troppo.

Io mi rifiuto di pensare che tutto quanto ottenuto ci basti, mi rifiuto perché a me non basta e allora

io VIAGGIO ANCHE SE HO PIU’ DI 30 ANNI E SONO DONNA.

 

Ad ognuno la sua piccola rivoluzione!

p.s: avete visto il film Suffragette? Vi posto il trailer. "Siamo in ogni casa, diamo la vita, non riuscirete a fermarci."

 

 

 

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now